MESSINA, MAFIA: REVOCATO IL 41 BIS AL PRESUNTO BOSS DI SANTA LUCIA DEL MELA PIERO NICOLA MAZZAGATTI

Il Tribunale di Sorveglianza di Roma ha revocato il provvedimento adottato nel marzo dello scorso anno dal ministro della giustizia Angelino Alfano con il quale si imponeva il regime del 41 bis, il cosiddetto carcere duro per il presunto capo cosca di Santa Lucia del Mela, Pietro Nicola Mazzagatti, 50 anni, al quale per la prima volta erano state applicate le limitazioni dettate dall'ordinamento penitenziario per gli appartenenti alle cosche mafiose. La decisione di revocare il carcere duro per Mazzagatti è stata presa ieri a Roma, così come avevano chiesto gli avv. Carlo Autru Ryolo e Tino Celi. Da ieri il luciese Pietro Nicola Mazzagatti ha potuto lasciare il braccio del carcere di Opera nel quale sono rinchiusi i detenuti al 41 bis per essere riammesso al regime carcerario ordinario e ciò in forza della pena definitiva per l'estorsione "Toulujan" che finirà di scontare nell'agosto del 2012. Mazzagatti nel frattempo è stato coinvolto in altre due diverse operazioni della Dda: la "Pozzo" e la "Sistema" (l.o.)